• slide1
  • slide2
  • slide3
  • slide4
  • MAI PIU' SOLI

    "La paura bussò alla porta, il coraggio aprì, non c'era nessuno. Era il coraggio di un intero popolo.Mai più sole le vittime del racket"

  • NOI DENUNCIAMO

    "Occorre compiere fino in fondo il proprio dovere, qualunque sia il sacrificio da sopportare, costi quel che costi, perché è in ciò che sta l'essenza della dignità umana."

  • STOP AL PIZZO.

    "Un intero popolo che paga il pizzo è un popolo senza dignità"

  • DENUNCIA...TI CONVIENE

    "La paura e' l'origine di tutti i nostri mali, dunque non abbiate paura."

“Perché una società vada bene, si muova nel progresso, nell'esaltazione dei valori della famiglia, del bene, dell'amicizia, perché prosperi senza contrasti tra i vari consociati, per avviarsi serena nel cammino verso un domani migliore, basta che ognuno faccia il suo dovere.”

Associazione AntiracketFederazione delle Associazione Antiracket e Antiusura Italiane

mai piu soliLa FAI, fondata a Capo d'Orlando da Tano Grasso 25 anni fa, riunisce circa cento associazioni antiracket ed antiusura...

Leggi tutto...

Attività dell'Antiracket ascolto, assistenza e consulenza

testimonianzeStorie di donne, di associazionismo, di imprenditori, di troppi silenzi e solitudini che lasciano cicatrici profonde in un tessuto sociale che può e deve essere recuperato.

Leggi tutto...

Mai Più Solidove siamo

maniNoi come Associazione diamo la possibilità alle vittime di non essere sole, di avere assistenza ed il sostegno di altri imprenditori che hanno subito prima di loro un’estorsione...

Leggi tutto...

Ultime Notizie

  • Scontri tra abusivi e polizia a Bari: la condanna dell’Antiracket
    Scontri tra abusivi e polizia a Bari: la condanna dell’Antiracket Il Coordinamento regionale pugliese della F.A.I, nella persona del coordinatore Renato de Scisciolo, intende esprimere solidarietà e vicinanza agli agenti di polizia, ai vigili urbani e all’Amministrazione comunale della città di Bari, nella persona del sindaco Antonio Decaro, per gli attacchi e le minacce di morte durante gli scontri con gli abusivi sul lungomare barese, nella giornata conclusiva dei grandi festeggiamenti in onore di San Nicola. Tali ignobili episodi, che hanno certamente oscurato il lieto svolgimento dei festeggiamenti, portando anche il panico tra la folla di partecipanti e turisti – col tentativo di sabotare lo spettacolo dei fuochi pirotecnici e delle luminarie – riportano all’attenzione pubblica l’esistenza di gruppi organizzati che anche in occasione di una ricorrenza tanto cara alla città di Bari, si sono spartiti il territorio cercando di imporre le proprie regole che sono ben lontane da qualsiasi valore di legalità. Tutto ciò è, dunque, inaccettabile e il coordinamento antiracket non può che condannare il comportamento degli abusivi e quello dei clan che ne hanno organizzato la regia. Le scene di guerriglia sul lungomare non vanificano l’impegno e il lavoro svolto finora dagli operatori della legalità, dalle Forze dell’ordine e dall’Amministrazione, anzi intensificano gli sforzi a favore di un processo di…
    Scritto Mercoledì, 11 Maggio 2016 15:07 in News Letto 0 volte
  • Passeggiata Antiracket tra le bancarelle della festa di San Nicola
    Passeggiata Antiracket tra le bancarelle della festa di San Nicola L’Associazione Antiracket di Bari assieme a tutto il Coordinamento regionale della F.A.I. organizza per sabato 7 maggio, con inizio alle ore 10:00, una “Passeggiata Antiracket” tra le bancarelle e gli ambulanti che come ogni anno animano il centro della città in occasione della grande e tradizionale festa di San Nicola. Un evento che vede la partecipazione della presidente dell’Associazione Antiracket barese Giuseppina Lacarbonara assieme ai soci della stessa associazione, del coordinatore regionale Renato de Scisciolo, impegnati in una doppia azione di prevenzione e informazione. In occasione, infatti, di grandi eventi in città, come ad esempio i passati concerti presso lo stadio San Nicola, gli ambulanti e i commercianti diventano facili bersagli di individui che tentano di estorcere denaro, favori o addirittura occupano abusivamente postazioni già assegnate, mettendo seriamente a repentaglio l’economia di chi esercita nel rispetto delle regole. È questa un’azione che va a consolidare l’azione preventiva messa in atto in questi giorni dalla Questura con la convocazione degli oltre centoquaranta ambulanti che animeranno il lungomare nei giorni di festa. Le strade e le piazze, dunque, continuano ad essere un punto d’incontro privilegiato, è qui che si salda il tessuto economico e sociale della cittadinanza ed è proprio qui che…
    Scritto Giovedì, 05 Maggio 2016 15:36 in News Letto 35 volte

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione